Home

Forum- My Fashion girl.it, gioco di moda! Gioco di ragazze e per ragazze!

Pagine : 1 2

#1 Il 19-07-2013 a 09h36

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

//photo.myfashiongirl.it/it/1/9/moy/6423.jpg

Come ogni cultura che si rispetti anche il Giappone ha le sue tradizioni di spiriti, eroi e leggende!
Bene questo è il posto giusto per approfondire e parlare insieme delle nostre storie preferite!!!


Link esterno dell'immagine

Non in linea

#2 Il 19-07-2013 a 11h25

Che classe
valenc86
...
Luogo: Torino
Messaggi: 4 113

Io conosco una leggenda bellissima...però è un pò lunga!!! ve la posto:
In un'isola lontana di un paese del Sol Levante regnava un superbo imperatore. Era un sovrano molto vanitoso, che amava circondarsi di cose stupende anche sua figlia era bellissima ed egli l'aveva chiamata Splendore del Giorno. L'imperatore sceglieva per lei i vestiti più sontuosi, pretendeva che si ornasse con gemme e diademi preziosi e che il suo trucco fosse perfetto. Ma Splendore del Giorno si sentiva oppressa da tutte queste ricchezze, priva di affetto e schiava della vanità del padre…Ella sognava d'essere povera, ma libera e amata.
Un mattino la principessa si rivolse al Buddha di giada del suo palazzo, con questa preghiera:
- O dio della saggezza, aiutami a fuggire da questa prigione. Dammi la possibilità di andar via col vento profumato sui prati fioriti e di volare con gli uccelli nel cielo turchino.
Buddha indossò allora una veste di luce e così rispose alla giovane:
- Ti offro cento lune per ubriacarti di libertà. Ogni sera, all'ultimo rintocco della mezzanotte, ti trasformerai in un uccello. Ma non appena il sole sorgerà, tu tornerai ad essere quella che sei, la principessa Splendore del Giorno. Sappi però che l'incantesimo durerà fino al termine delle cento lune.
- Sono pronta ad assumermi tutti i rischi - affermò la giovane.
Buddha mantenne la sua promessa e quella stessa notte, al dodicesimo tocco della mezzanotte, Splendore del Giorno fu trasformata in un uccello. Finalmente poteva allontanarsi dalla sua prigione dorata!
Volò in alto finché la sua casa non divenne che un punto luminoso e lontano!Era felicissima così si mise a cantare… però l'alba arrivò presto e l'incantesimo quindi cessò! Ella  riprese le sue sembianze e tornò al palazzo reale.
L'imperatore però venne a sapere che, quando scendeva la notte, un uccello cantava in modo così melodioso che certamente doveva trattarsi di un essere divino. Quindi ordinò ai suoi soldati di catturarlo!!
Passò un mese, ma i samurai non riuscirono a prendere lo straordinario esemplare. Infatti Splendore del Giorno riusciva abilmente a sfuggire a tutte le trappole che le venivano tese. Fu così che il superbo imperatore, beffato dall'uccello sconosciuto, si ammalò. Perse l'appetito e il sonno, deperì ogni giorno di più e alla fine dovette mettersi a letto.
Splendore del Giorno, preoccupata per la sorte del padre, pregò di nuovo Buddha:
- O dio della saggezza, sono pronta a sacrificare la mia libertà in cambio della vita di mio padre. Ti supplico, rompi l'incantesimo e guariscilo dal suo folle male.
- Non è in mio potere salvare tuo padre dalla sua stupida ambizione. Tuttavia accolgo la tua richiesta di rompere l'incantesimo, anche se le cento lune non sono ancora trascorse. Può darsi che in questo modo tuo padre ritrovi il piacere di vivere e che questa prova possa averlo reso più umile.
Da allora Splendore del Giorno circondò il padre di amore e di premure e, per aiutarlo a guarire, chiamò al suo capezzale i più famosi dottori che gli prodigarono cure d'ogni genere. Malgrado ciò il sovrano, sognando l'uccello divino, si consumò lentamente fino a morire.
Splendore del Giorno aprì ai sudditi più poveri del regno le porte del suo palazzo e mise a disposizione di tutti, contadini e pescatori, le immense ricchezze che suo padre, con orgoglio e vanità, aveva accumulato.
Adorata dalla sua gente, che la venerò come una dea, la principessa visse felice e finalmente libera.
Il dio Buddha, per ripagarla di tanta generosità, popolò la sua isola di uccelli divini, a cui Splendore del Giorno diede il nome di usignoli.
Da quel momento, e sono passati ormai tanti secoli, quando la luna emana i suoi ultimi chiarori e il sole comincia a tingere di rosa il cielo, l'usignolo canta: il suo canto melodioso è un inno alla libertà dell'uomo.

Non in linea

#3 Il 19-07-2013 a 11h31

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Waoooo è dolcissima!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif

Non in linea

#4 Il 19-07-2013 a 13h05

A fondo
Yozora
Luogo: Tokyo
Messaggi: 489

Ecco una bella leggenda horror, che può mettere paura ai più piccoli !

MUJINA

Nella via Akasaka a Tokyo c’è un pendio chiamato Kii-no-kuni-zaka, che significa il Pendio della Provincia di Kii. Su un lato di questo pendio si può vedere un antico fossato, profondo e molto largo, con rive verdi che si alzano verso un luogo coperto da giardini, e sull’altro lato della strada si estendono le mura lunghe e alte di un palazzo imperiale. Prima dell’epoca dei lampioni e degli jinrikisha, questa zona era assolutamente deserta dopo il tramonto, e i passanti ritardatari erano disposti a percorrere chilometri fuori della loro strada pur di non salire sul Kii-no-kuni-zaka da soli dopo il tramonto.
Tutto per colpa di un Mujina (1) che aveva l’abitudine di aggirarsi da quelle parti.
L’ultimo uomo che aveva visto il Mujina era un vecchio mercante del quartiere Kyobashi, morto circa trent’anni fa. Questa è la storia così come l’ha raccontata.

Una sera, a tarda ora, si stava affrettando su per il Kii-no-kuni-zaka, quando scorse una donna accovacciata presso il fossato, tutta sola, che piangeva amaramente. Temendo che avesse intenzione di affogarsi, si fermò per offrirle aiuto o consolazione per quanto era in suo potere. Sembrava essere una persona esile e graziosa e vestita con gusto, e i capelli eranmo acconciati come quelli di una ragazza di buona famiglia.
«O-jochu!» (2) esclamò avvicinandosi a lei. «O-jochu, non piangere così! Dimmi cosa ti preoccupa, e se c’è un modo per aiutarti, sarò felice di farlo».
Dicendo questo era sincero, perché era un uomo molto gentile e disponibile. Ma lei continuò a piangere, nascondendogli il volto con una delle lunghe maniche.
«O-jochu», disse lui di nuovo, nel modo più gentile che poteva, «ti prego, ascoltami! Questo non è luogo per una giovane di sera! Non piangere, ti supplico! Dimmi solo come posso aiutarti in qualche modo!»
Lentamente lei si alzò, ma continuò a dargli le spalle e a gemere e singhiozzare dietro la manica. Le posò leggermente una mano sulla spalla e la pregò:
«O-jochu! O-jochu! O-jochu!… Ascoltami solo un istante!… O-jochu! O-jochu!…»
Allora quella O-jochu si voltò, fece cadere la manica e si accarezzò la faccia con la mano, e l’uomo vide che non aveva occhi, né naso, né bocca, gridò e corse via. (3)
Corse e corse su per il Kii-no-kuni-zaka, e tutto era nero e vuoto davanti a lui. Non smetteva mai di correre senza osare guardarsi alle spalle, quando alla fine vide una lanterna, tanto lontano che sembrava la scintilla di una lucciola, e si affrettò per raggiungerla. Si rivelò essere semplicemente la lanterna di un venditore ambulante di soba (4) che aveva deciso di accamparsi a lato della strada, ma una luce qualsiasi e qualunque compagnia umana erano le benvenute dopo una simile esperienza, e così si gettò ai piedi del venditore di soba gridando: «Ah! aah!! aah!!!…»
«Kore! kore!» (5) esclamò il venditore con durezza. «Via! Che ti succede? Qualcuno ti fa del male?»
«No, nessuno mi fa del male», ansimò l’altro, «solo… Ah! Aah!»
«Sei solo spaventato?» chiese il venditore senza cordialità. «Banditi?»
«Non banditi, non banditi», ansimò l’uomo terrorizzato. «Ho visto… Ho visto una donna… vicino al fossato, e lei mi ha fatto vedere… Ah! Non posso dirti quello che mi ha fatto vedere!…»
«Ti ha fatto vedere una cosa come QUESTA?» gridò il venditore toccandosi la faccia, che subito diventò liscia come un uovo… E di colpo la luce si spense…

Note

1 - Un tipo di tasso. Si credeva che certi animali fossero in grado di trasformarsi e arrecare danno agli esseri umani.
2 – O-jochu (“onorevole fanciulla”) è una formula di cortesia usata per rivolgersi a una giovane donna che non si conosce.
3 – Un’apparizione con una faccia liscia e completamente priva di lineamenti, chiamata “nopperabo” fa parte del pantheon giapponese di spiriti e demoni.
4 – Soba è una preparazione a base di grano saraceno vagamente simile ai vermicelli.
5 – Esclamazione di allarme annoiato.


Link esterno dell'immagine

Non in linea

#5 Il 19-07-2013 a 16h08

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

O_o ok non voglio più passare vicino ad un fossato!!!! /modules/forum/img/smilies/petite-larme.gif

Non in linea

#6 Il 19-07-2013 a 17h43

Che classe
Usagi
...
Messaggi: 4 426

Ecco una delle leggende più celebri del Giappone ^^


IL TAGLIATORE DI BAMBÙ E LA FIGLIA DELLA LUNA
LA PRINCIPESSA DELLA LUNA

Molto tempo fa viveva un vecchio tagliatore di bambù. Era poverissimo e anche triste, perché il Cielo non gli aveva mandato figli per allietare la sua vecchiaia e nel suo cuore non c’era speranza di riposarsi dal suo lavoro fino a quando non fosse morto e nella pace di una tomba. Ogni mattina si recava nei boschi e su per le colline dove il bambù alzava verso il cielo i suoi snelli pennacchi verdi. Quando aveva fatto la sua scelta, tagliava i pennacchi, fendeva il bambù nel senso della lunghezza o lo tagliava all’altezza dei nodi e se lo portava a casa per trasformarlo in utensili domestici, in modo che la moglie, rivendendoli, potesse guadagnare un po’ di mezzi di sostentamento.
Una mattina come sempre era uscito per recarsi al lavoro, e avendo trovato un bel gruppo di piante di bambù, si era messo all’opera per tagliarne alcune. All’improvviso il verde dei bambù fu immerso in una luce delicata e brillante, come se su quel luogo fosse sorta la luna piena. Guardandosi intorno stupito, vide che il bagliore stava uscendo da uno dei bambù. Pieno di meraviglia il vecchio lasciò cadere l’ascia e si avvicinò alla luce. Quando fu più vicino, vide che quel delicato splendore proveniva da un incavo nel gambo di un bambù e, ancor più incredibile da vedere, al centro del bagliore c’era una minuscola bimba, alta solo pochi centimetri e di aspetto deliziosamente bello.
«Tu devi essere stata mandata per essere mia figlia, perché ti trovo qui fra i bambù dove tutti i giorni vengo a lavorare», disse il vecchio, e presa tra le mani la creaturina, la portò a casa dalla moglie. La bimba era così straordinariamente bella e talmente piccola, che la vecchia la mise in un cestino per proteggerla dalla pur minima possibilità che qualcosa potesse farle del male.
I due vecchi sposi erano molto contenti, poiché per tutta la vita avevano rimpianto di non avere figli e adesso erano felici di elargire tutto l’amore della loro età avanzata a quella piccola bimba che era arrivata da loro in un modo così stupefacente.
A partire da quel giorno, il vecchio spesso trovava dell’oro nell’incavo dei bambù quando li abbatteva e li tagliava; e non solo oro, ma anche pietre preziose, tanto che un po’ alla volta diventò ricco. Si costruì una bella casa e non fu più considerato un povero tagliatore di bambù ma un uomo benestante.
Passarono in fretta tre mesi durante i quali, incredibile a dirsi, la figlia del bambù diventò una ragazza adulta, tanto che i suoi genitori adottivi le acconciarono i capelli e le fecero indossare un bel kimono. Era così bella che si teneva dietro i pannelli e non permetteva a nessuno di vederla mentre li aspettava. Sembrava che fosse fatta di luce, perché la casa era piena di un’aura luminosa, tanto che anche nell’oscurità della notte era come se fosse pieno giorno. La sua presenza sembrava esercitare un influsso benigno su tutti quelli che vi abitavano. In qualunque momento il vecchio si sentisse triste, gli bastava guardare la figlia adottiva perché le sue pene svanissero e tornasse felice come quando era giovane.
Alla fine venne il giorno in cui bisognava dare un nome a quella figlia, e quindi i genitori le fecero imporre il nome di Principessa Chiar-di-Luna, perché la sua persona emanava una luce così delicata che avrebbe potuto essere figlia della Dea della Luna.
Per tre giorni si fece festa con canti, danze e musica. Tutti gli amici e parenti dei due vecchi erano presenti, e grande fu la loro gioia nel celebrare l’imposizione del nome alla Principessa Chiar-di-Luna. Tutti quelli che la vedevano dichiaravano di non aver mai visto una persona così incantevole: ogni bellezza in qualsiasi angolo del paese sembrava impallidire accanto a lei, così dicevano. La fama della bellezza della principessa si sparse ovunque, e molti erano i pretendenti che desideravano conquistare la sua mano o almeno riuscire a vederla.
Da tutte le parti arrivavano e si fermavano fuori della casa facendo piccoli buchi nel recinto con la speranza di riuscire a intravedere la principessa quando andava da una stanza all’altra passando per la veranda. Se ne stavano lì giorno e notte, rinunciando anche al sonno pur di avere la fortuna di vederla, ma invano. Allora si avvicinavano alla casa e tentavano di parlare al vecchio e alla moglie o a uno dei servitori, ma neppure questo era loro concesso.
Eppure, nonostante tutte queste delusioni, si fermavano lì un giorno dopo l’altro e una notte dopo l’altra, e nulla contava se non il loro grande desiderio di vedere la principessa.
Ma alla fine la maggior parte di quegli uomini, visto che i loro tentativi erano senza speranza, si scoraggiarono e fecero ritorno alle loro case. Tutti, tranne cinque cavalieri il cui entusiasmo e determinazione, anziché diminuire, sembrava crescere quanto più aumentavano gli ostacoli. Questi cinque uomini erano rimasti senza provviste e mangiavano quel poco che riuscivano a trovare per poter rimanere sempre fuori della casa con qualunque tempo, con il sole e con la pioggia.
A volte scrivevano lettere alla principessa, ma non furono mai degnati di risposta. Allora, visto che non ricevevano risposta alle lettere, le scrissero poesie in cui le parlavano dell’amore disperato che non li faceva dormire, mangiare, riposare e neppure permetteva loro di tornare a casa. E di nuovo la Principessa Chiar-di-Luna non diede segno di aver ricevuto le loro poesie.
L’inverno passò in questa situazione senza speranza. Neve, gelo e venti freddi lasciarono a poco a poco il posto al mite calore della primavera. Poi venne l’estate, il sole bruciava bianco e ardente nel cielo e sulla terra, eppure quei fedeli cavalieri continuavano a vegliare e attendere. Alla fine di quei lunghi mesi chiamarono il vecchio tagliatore di bambù e lo implorarono di avere pietà di loro e lasciarli vedere la principessa, ma lui rispose soltanto che non era il vero padre e quindi non poteva imporle di obbedire alla sua volontà.
I cinque cavalieri, ricevendo questa dura risposta, fecero ritorno alle rispettive case e cominciarono a meditare per trovare un modo di toccare il cuore orgoglioso della principessa, in modo che si degnasse almeno di ascoltarli. Presero i loro rosari e s’inginocchiarono davanti ai tempietti domestici, bruciarono incensi preziosi e pregarono Buddha di esaudire il desiderio dei loro cuori. Molti giorni passarono, ma non riuscirono a trovare pace.
E così partirono di nuovo verso la casa del tagliatore di bambù. Questa volta fu il vecchio a uscire loro incontro, ed essi gli chiesero se era decisione della principessa non vedere mai alcun uomo e lo pregarono di parlarle a nome loro e di farle sapere quanto era grande il loro amore e quanto tempo avevano aspettato al freddo dell’inverno e al caldo dell’estate, senza dormire e senza un tetto che li riparasse, con ogni tempo, senza cibo e senza riposo nell’ardente speranza di conquistarla, ma che avrebbero considerato un piacere questa lunga veglia, se lei avesse concesso loro anche una sola possibilità di perorare la loro causa davanti a lei.
Il vecchio ascoltò con buona disposizione la storia del loro amore, perché nel profondo del cuore si sentiva molto dispiaciuto per quei pretendenti fedeli e gli sarebbe piaciuto vedere la figlia adottiva sposata con uno di loro. Così andò dalla Principessa Chiar-di-Luna e le disse rispettosamente:
«Anche se ho sempre pensato che tu sia una creatura celeste, mi sono preoccupato di allevarti come se fossi mia figlia, e tu sei stata lieta di vivere sotto la protezione del mio tetto. Rifiuterai ora di esaudire un mio desiderio?»
La Principessa Chiar-di-Luna rispose che non c’era niente che non avrebbe fatto per lui, che lo stimava e onorava come se fosse il suo vero padre e che per quanto la riguardava non ricordava il tempo che precedeva la sua venuta al mondo.
Il vecchio ascoltò con grande gioia quella dichiarazione di obbedienza e le rivelò il proprio desiderio di vederla felicemente sposata prima di morire.
«Sono vecchio, ho settant’anni e la mia fine può arrivare da un momento all’altro. È giusto e necessario che tu incontri quei cinque pretendenti e scelga uno di loro».
«Ma perché dovrei farlo?» chiese addolorata la principessa. «Non voglio sposarmi adesso».
«Ti ho trovata tempo fa», rispose il vecchio, «quando eri una minuscola creatura alta pochi centimetri, al centro di una grande luce bianca. La luce irraggiava dal bambù in cui eri nascosta e mi guidò fino a te. Per questo ho sempre pensato che tu sia più di una donna mortale. Finché vivrò, è giusto che tu rimanga quella che sei, se lo desideri, ma un giorno finirà la mia esistenza, e allora chi si prenderà cura di te? Per questo ti prego di incontrare quei cinque uomini coraggiosi uno alla volta e decidere di sposare uno di loro».
Allora la principessa rispose che non pensava di essere così bella come raccontavano in giro e che se anche avesse acconsentito a sposare uno di loro senza prima conoscerlo, forse il suo sentimento in seguito avrebbe potuto cambiare. Quindi non era sicura di loro, e anche se suo padre le diceva che erano degni cavalieri, riteneva che non fosse saggio incontrarli.
«Tutto ciò che dici è molto ragionevole», disse il vecchio, «ma che genere di uomo acconsentirai a vedere? Ritengo che questi cinque cavalieri che hanno vegliato mesi, giorno e notte, per te non siano uomini di poco conto. Sono rimasti fuori di questa casa tutto l’inverno e tutta l’estate, spesso rinunciando a mangiare e a dormire pur di conquistarti. Cosa vuoi pretendere di più?»
Allora la Principessa Chiar-di-Luna disse che doveva mettere ancora alla prova il loro amore prima di acconsentire alla loro richiesta di incontrarla. Ciascuno dei cinque doveva dimostrare il suo amore portandole da terre lontane qualcosa che desiderava possedere.
Quella sera stessa i pretendenti arrivarono e a turno cominciarono a suonare il flauto e cantare le canzoni che avevano composto per dichiararle il loro grande e instancabile amore. Il tagliatore di bambù andò da loro e manifestò la propria comprensione per tutto quello che avevano sopportato e per la perseveranza che avevano dimostrato nel loro desiderio di conquistare la figlia adottiva. Poi riferì loro il messaggio: avrebbe acconsentito a sposare chiunque di loro fosse riuscito a portarle quello che desiderava. Questo serviva per metterli alla prova.
Tutti cinque accettarono di sostenere la prova e pensarono che fosse un’idea ottima, perché avrebbe impedito che nascessero gelosie tra loro.
La Principessa Chiar-di-Luna fece allora sapere al primo cavaliere che voleva che le portasse la coppa di pietra che era appartenuta a Buddha in India.
Al secondo cavaliere chiese di andare al Monte Horai, che si diceva si elevasse nel Mare Orientale, e di portarle un ramo dell’albero prodigioso che cresceva sulla sua cima. Le radici di quell’albero erano d’argento, il tronco d’oro e i rami producevano frutti simili a candidi gioielli.
Il terzo cavaliere doveva recarsi in Cina, cercare il Topo di Fuoco e portarle la pelle.
Al quarto cavaliere chiese di cercare il drago che portava sul capo la pietra dai raggi di cinque colori e di portargliela.
Il quinto cavaliere doveva trovare la rondine che trasportava una conchiglia nello stomaco e portarle quella conchiglia.
Il vecchio pensava che erano compiti molto ardui ed esitava a recare l’ambasciata, ma la principessa non avrebbe accettato altre condizioni. E così i suoi ordini furono riferiti parola par parola ai cinque uomini che, non appena udirono ciò che si chiedeva da loro, si sentirono scoraggiati e molto contrariati per quelli che ritenevano incarichi impossibili e fecero tristemente ritorno a casa.
Ma dopo qualche tempo, al pensiero della principessa, rinacque l’amore nei loro cuori, e decisero di fare un tentativo per ottenere ciò che lei desiderava da loro.
Il primo cavaliere fece sapere alla principessa che quel giorno stava partendo alla ricerca della coppa di Buddha e che sperava di portargliela presto. Ma non aveva il coraggio di affrontare il viaggio fino in India, perché a quei tempi viaggiare era molto difficoltoso e pieno di pericoli. Quindi si recò in uno dei templi di Kyoto e prese una coppa di pietra dall’altare, pagandola al sacerdote una forte somma di denaro. Poi la avvolse in un tessuto d’oro e, dopo aver aspettato tranquillamente tre anni, tornò dal vecchio e gliela portò.
La Principessa Chiar-di-Luna si meravigliò che il cavaliere fosse riuscito a tornare tanto presto. Tolse la coppa dal tessuto in cui era avvolta e attese che riempisse di luce la stanza, ma quella non emanava il minimo splendore, per cui capì che si trattava di un oggetto falso e non della vera coppa di Buddha.
La restituì subito e rifiutò di vedere il cavaliere. Questi gettò via la coppa e tornò disperato a casa. Aveva rinunciato a qualsiasi speranza di poter mai conquistare la principessa.
Il secondo cavaliere disse ai genitori che aveva bisogno di cambiare aria per motivi di salute, perché si vergognava di confessare loro che il suo amore per la Principessa Chiar-di-Luna era il vero motivo per cui li abbandonava. Lasciò quindi la propria casa e nello stesso tempo fece sapere alla Principessa che stava partendo per il Monte Horai nella speranza di portarle quel ramo dell’albero d’oro e d’argento che lei desiderava. Permise ai suoi servitori di accompagnarlo solo fino a metà strada, poi li rimandò indietro. Raggiunse la riva del mare e salì su una piccola imbarcazione. Dopo aver veleggiato tre giorni, sbarcò e incaricò alcuni artigiani di costruirgli una casa concepita in modo che nessuno potesse entrarvi. Poi vi si rinchiuse con sei esperti gioiellieri e cercò di fabbricare un ramo d’oro e d’argento che potesse piacere alla principessa come se provenisse realmente dall’albero prodigioso che cresceva sul Monte Horai. Ciascuno di coloro ai quali aveva chiesto, gli aveva risposto che il Monte Horai apparteneva al regno della fantasia e non esisteva realmente.
Quando il ramo fu pronto, riprese la strada di casa e cercò di darsi un aspetto che lo facesse sembrare stanco ed esaurito per il viaggio. Mise il ramo prezioso in una scatola laccata e lo portò al tagliatore di bambù, pregandolo di presentarlo alla principessa.
Il vecchio si fece ingannare dall’aspetto stanco del cavaliere e pensò che fosse appena tornato con il ramo da un lungo viaggio. Cercò quindi di convincere la principessa perché acconsentisse a vedere quell’uomo. Ma lei rimase seria e silenziosa. Il vecchio cominciò a tirar fuori il ramo dalla scatola e a lodarlo dicendo che era il tesoro più splendido che mai si fosse trovato in tutto il mondo. Poi parlò del cavaliere, di quanto era stato generoso e valente nell’intraprendere un viaggio verso una terra remota come il Monte Horai.
La Principessa Chiar-di-Luna prese il ramo tra le mani e lo osservò con attenzione. Poi disse al padre di essere certa che era impossibile che quell’uomo avesse ottenuto così in fretta e con tanta facilità un ramo dell’albero d’oro e d’argento che cresce sul Monte Horai e quindi, le dispiaceva dirlo, secondo lei non era autentico.
Il vecchio andò dal cavaliere in attesa, che nel frattempo si era avvicinato alla casa, e gli chiese dove aveva trovato il ramo. L’uomo non si fece scrupoli e inventò una lunga storia.
«Due anni fa ho preso una nave e sono partito in cerca del Monte Horai. Dopo aver veleggiato per un po’, ho raggiunto il lontano Mare Orientale. A quel punto è scoppiata una grande tempesta e sono stato sballottato qua e là per molti giorni, tanto che ho perso l’orientamento, finché sono stato sbattuto sulla spiaggia di un’isola sconosciuta. Qui ho scoperto che quel luogo era abitato da orchi che hanno minacciato di uccidermi e mangiarmi. Tuttavia sono riuscito a diventare amico di quelle orribili creature, e loro hanno aiutato me e i miei marinai a riparare la barca, così ho potuto riprendere il mare. Il cibo è finito e abbiamo sofferto molto per le malattie. Poi, dopo cinquecento giorni dalla partenza, ho visto lontano all’orizzonte qualcosa che sembrava la cima di una montagna. Quando sono stato più vicino, si è rivelata un isola al cui centro si innalzava un’alta montagna. Sono sbarcato e dopo aver vagato per due o tre giorni, ho visto un essere splendente venire verso di me portando tra le mani una coppa d’oro. Mi sono avvicinato e gli ho chiesto se la buona sorte mi aveva concesso di arrivare all’isola del Monte Horai, e lui ha risposto:
«“Sì, questo è il Monte Horai!”
«Con grande difficoltà mi sono arrampicato fino alla cima. Qui cresceva l’albero d’oro con le sue radici d’argento che penetravano nella terra. La meraviglia di quella strana terra era grande, e se cominciassi a parlartene, non riuscirei mai a smettere. Anche se desideravo fermarmi a lungo, non appena ho staccato il ramo, mi sono affrettato a ritornare. Anche alla massima velocità mi ci sono voluti quattrocento giorni per tornare indietro e, come vedi, i miei abiti sono ancora bagnati per essere stati esposti a quel lungo viaggio in mare. Non ho nemmeno aspettato per cambiarmi, tanto ero ansioso di portare in fretta il ramo alla principessa».
Proprio in quel momento i sei gioiellieri che avevano fabbricato il ramo, ma non erano ancora stati pagati dal cavaliere, giunsero alla casa e fecero pervenire alla principessa una richiesta perché il loro lavoro fosse pagato. Dissero che avevano lavorato per più di cento giorni per fare quel ramo d’oro con i ramoscelli d’argento e i frutti fatti di gemme che il cavaliere le aveva donato, ma che non avevano ricevuto nulla in pagamento. E così l’inganno del cavaliere fu scoperto, e la Principessa, lieta di evitare uno dei pretendenti più insistenti, fu ben contenta di rimandare indietro il ramo. Chiamò i gioiellieri e li ricompensò generosamente, cosicché se ne andarono pienamente soddisfatti. Ma sulla via del ritorno s’imbatterono nello spasimante deluso, che li picchiò fino a ridurli quasi in fin di vita per aver rivelato il segreto, tanto che riuscirono a malapena a salvarsi.
Poi il cavaliere fece ritorno a casa con il cuore pieno d’ira e, disperando di riuscire mai a conquistare la principessa, abbandonò ogni cosa e si ritirò a vivere in solitudine tra le montagne.
A sua volta il terzo cavaliere aveva un amico in Cina. Gli scrisse dunque di procurargli la pelle del Topo di Fuoco (la caratteristica di ogni parte di questo animale consisteva nel fatto che il fuoco non poteva danneggiarla). Promise all’amico qualsiasi somma di denaro gli avesse chiesto purché gli facesse avere l’oggetto desiderato. Appena arrivò la notizia che la nave su cui viaggiava il suo amico stava arrivando nel porto, cavalcò sette giorni per incontrarlo. Gli diede una gran quantità di danaro e prese la pelle del Topo di Fuoco. Tornato a casa, la ripose con cura in una scatola e la fece portare alla principessa, mentre rimaneva fuori ad attendere la sua risposta.
Il tagliatore di bambù prese la scatola dal cavaliere e come sempre la portò alla figlia e come sempre cercò di indurla a incontrare subito il cavaliere, ma la Principessa Chiar-di-Luna rifiutò dicendo che prima doveva sottoporre la pelle a una prova mettendola nel fuoco. Se era autentica, non sarebbe bruciata. Sciolse il nastro crespato della scatola, la aprì e buttò la pelle nel fuoco. Subito la pelle scoppiettò e bruciò, e la principessa capì che anche quell’uomo non aveva mantenuto la parola. Così anche il terzo cavaliere fallì la prova.
Il quarto cavaliere non era certo più intraprendente degli altri. Anziché partire alla ricerca del drago che portava sul capo la pietra dai raggi di cinque colori, radunò tutti i servitori e diede loro ordine di cercarla dovunque in Giappone e in Cina e proibì loro categoricamente di tornare fino a quando non l’avessero trovata.
I suoi numerosi servitori e le persone del seguito partirono in diverse direzioni, ma senza la minima intenzione di obbedire a quello che consideravano un ordine impossibile. Si presero semplicemente un po’ di vacanza, si trovarono tutti insieme in un luogo piacevole del paese e si lagnarono della irragionevolezza del padrone.
Nel frattempo il cavaliere, pensando che i suoi servitori non avrebbero mancato di trovare il gioiello, fece rimettere a nuovo la casa e la arredò lussuosamente per ricevere la principessa, sicuro che l’avrebbe conquistata.
Un anno trascorse in ansiosa attesa, e ancora la sua gente non tornava con il gioiello del drago. Il cavaliere era disperato. Non poteva aspettare ancora e quindi, presi con sé solo due uomini, noleggiò una nave e ordinò al capitano di andare in cerca del drago. Il capitano e i marinai rifiutarono di intraprendere quella che sapevano essere una ricerca assurda, ma il cavaliere li costrinse a prendere il mare.
Erano in mare solo da pochi giorni, quando li sorprese una violenta tempesta che durò così a lungo che quando la sua furia cominciò a diminuire, il cavaliere aveva già deciso di rinunciare alla ricerca del drago. Alla fine furono gettati su una spiaggia.
Il governatore di quel luogo, saputo della brutta situazione, mandò dei messaggeri con una lettera che invitava il cavaliere nella sua casa. Questi, mentre si trovava lì, ripensò a tutti i suoi guai, e il suo amore per la principessa si trasformò in rabbia, tanto che le attribuì la colpa di tutte le pene che aveva sopportato. Pensò che quasi sicuramente aveva desiderato ucciderlo pur di sbarazzarsi di lui e che per ottenere questo lo aveva fatto partire per quella ricerca impossibile.
Fu allora che tutti i servitori mandati a cercare il gioiello fecero ritorno e furono sorpresi nel ricevere lodi anziché rimproveri per averlo costretto ad aspettarli. Il padrone disse loro di essere profondamente disgustato da tutta quell’avventura e che mai più si sarebbe avvicinato alla casa della principessa.
Il quinto cavaliere fallì nella sua ricerca come tutti gli altri e non riuscì a trovare la conchiglia della rondine.
Nel frattempo la fama della Principessa Chiar-di-Luna era arrivata alle orecchie dell’Imperatore, che mandò una dama di corte per vedere se era davvero bella come si raccontava. In caso affermativo, l’avrebbe fatta venire a palazzo e ne avrebbe fatto una dama d’onore.
Quando la dama di corte si presentò, la Principessa Chiar-di-Luna, malgrado le preghiere del padre, rifiutò di vederla. Il messaggero imperiale insistette dicendo che era un ordine dell’Imperatore. Allora la Principessa Chiar-di-Luna disse al vecchio che se fosse stata obbligata a recarsi a palazzo per obbedire all’Imperatore, sarebbe scomparsa.
Quando l’Imperatore fu informato dell’insistenza della principessa nel rifiutare di obbedire alla convocazione e del fatto che sarebbe scomparsa alla vista di tutti se fosse stata costretta a obbedire, decise di andare a vederla di persona. E così organizzò una battuta di caccia nei dintorni della casa del tagliatore di bambù per vedere la principessa. Lo fece sapere al vecchio, che approvò il piano. Il giorno seguente l’Imperatore partì con il suo seguito che riuscì ben presto a distanziare. Trovò la casa del tagliatore di bambù e scese da cavallo. Entrò e si diresse verso la stanza dov’era seduta la principessa insieme alle ragazze che la servivano.
Non aveva mai visto una bellezza così incomparabile e non riusciva a fare altro che guardarla, perché era più bella di qualsiasi essere umano con quell’aura di luce tenue che irradiava. Quando la Principessa Chiar-di-Luna si accorse che un estraneo la stava guardando, cercò di fuggire dalla stanza, ma l’Imperatore la bloccò e la pregò di ascoltare quello che aveva da dirle. Per tutta risposta lei si limitò a nascondere il viso nelle maniche.
L’Imperatore s’innamorò profondamente di lei e la pregò di venire a corte, dove le avrebbe dato una posizione di alto onore e tutto quello che avesse desiderato. Avrebbe mandato un palanchino imperiale per portarla subito con sé, perché, diceva, la sua grazia e la sua bellezza dovevano essere un ornamento della corte e non rimanere nascoste nella casetta di un tagliatore di bambù.
Ma la principessa lo interruppe. Disse che se fosse stata costretta ad andare a palazzo, si sarebbe subito trasformata in un ombra, e già mentre stava parlando cominciò a perdere la sua forma e a svanire alla vista dell’Imperatore mentre lui la guardava.
Allora l’Imperatore le promise di lasciarla libera solo se avesse ripreso la sua forma precedente, ciò che lei fece.
Era il momento di tornare indietro, poiché quelli del seguito si sarebbero domandati che cosa era successo al loro Imperatore che avevano perso di vista da un bel po’. Quindi le disse addio e lasciò la casa con la tristezza nel cuore. Considerava la Principessa Chiar-di-Luna la donna più bella del mondo; tutte le altre erano tenebra se paragonate a lei, e non faceva che pensarla giorno e notte. Trascorse molto tempo scrivendo poesie che le dichiaravano il suo amore e la sua devozione, glie le inviò, e lei, pur continuando a rifiutare di rivederlo, rispose con molte altre poesie in cui gli diceva con gentilezza e delicatezza che non avrebbe mai sposato nessuno su questa Terra. Queste piccole canzoni gli procuravano molto piacere.
In quel periodo i genitori adottivi si accorsero che la principessa una notte dopo l’altra sedeva sulla veranda e osservava per ore la luna con un espressione di profondo scoramento, scoppiando poi sempre in lacrime. Una notte il vecchio la trovò che piangeva come se avesse il cuore spezzato e la pregò di dirgli il motivo di tanta pena.
Tra le lacrime lei gli disse che aveva indovinato quando aveva pensato che lei non appartenesse a questo mondo, perché in realtà era arrivata dalla luna e il suo tempo sulla Terra sarebbe presto finito. Il quindici di quello stesso mese di agosto i suoi amici della luna sarebbero venuti a prenderla, e lei avrebbe dovuto fare ritorno. I suoi genitori si trovavano là, ma avendo passato una vita sulla terra, se li era dimenticati, come si era dimenticata il Mondo della Luna a cui apparteneva. Il pensiero di lasciare i suoi buoni genitori adottivi e la casa in cui era stata felice per tanto tempo la faceva piangere.
Quando le sue compagne udirono tutto questo, diventarono molto tristi e persero l’appetito al pensiero che la principessa le avrebbe presto lasciate.
L’Imperatore, non appena gli fu portata la notizia, mandò dei messaggeri fino alla casa per sapere se quanto gli era stato riferito fosse proprio la verità.
Il vecchio tagliatore di bambù uscì incontro ai messaggeri imperiali. Gli ultimi giorni di sofferenza avevano lasciato il segno: era molto invecchiato e dimostrava più dei suoi anni. Piangendo amare lacrime disse che la notizia era fin troppo vera, ma che aveva intenzione di prendere prigionieri gli inviati della Luna e di fare tutto quello che poteva per impedire che la principessa fosse portata via.
Gli uomini tornarono a palazzo e riferirono a sua maestà tutto quello che era successo. Il quindici del mese l’Imperatore mandò duemila guerrieri per custodire la casa. Mille si appostarono sul tetto, gli altri mille facevano la guardia a tutte le entrate della casa. Tutti erano arcieri ben addestrati, armati di archi e frecce. Il tagliatore di bambù e la moglie nascosero la Principessa Chiar-di-Luna in una stanza interna.
Il vecchio ordinò che nessuno dormisse quella notte. Nella casa dovevano essere tutti ben vigili e pronti a proteggere la principessa. Con queste precauzioni e con l’aiuto degli armati dell’Imperatore sperava di resistere ai messaggeri della luna, ma la principessa gli disse che tutte quelle misure per trattenerla sarebbero state inutili e che quando la sua gente fosse arrivata, niente avrebbe potuto impedire che portassero a termine la loro missione. Perfino gli uomini dell’Imperatore sarebbero stati impotenti. Poi aggiunse tra le lacrime che le dispiaceva immensamente lasciare lui e la moglie che aveva imparato ad amare come genitori, che se avesse potuto fare come voleva sarebbe rimasta durante la loro vecchiaia e che avrebbe cercato di tornare per ricambiare tutto l’amore e la gentilezza che avevano riversato su di lei durante la sua vita sulla Terra.
Si fece notte. La luna gialla come il grano salì in cielo, inondando con la sua luce dorata il mondo addormentato. Regnava il silenzio sulle foreste di pini e di bambù, mentre sul tetto mille uomini armati aspettavano.
Poi verso l’alba la notte diventò grigia e tutti sperarono che il pericolo fosse cessato, che dopo tutto la Principessa Chiar-di-Luna non li avrebbe lasciati. Improvvisamente videro formarsi una nuvola intorno alla luna, e mentre guardavano, la nuvola cominciò a muoversi verso la Terra. Si avvicinava sempre di più, e tutti videro con sgomento che si muoveva in direzione della casa.
In pochi momenti il cielo fu completamente oscurato, finché la nuvola si fermò sopra la casa a pochi metri da terra. Al centro della nuvola c’era un carro volante e nel carro un gruppo di esseri luminosi. Uno di loro, che aveva l’aspetto di un re e sembrava essere il capo, scese dal carro e, librandosi in aria, chiamò il vecchio perché uscisse.
«Per la Principessa Chiar-di-Luna», disse, «è giunto il tempo di tornare sulla Luna da cui è venuta. Aveva commesso una grave mancanza e per punizione è stata mandata a vivere quaggiù per qualche tempo. Abbiamo riconosciuto la grande cura che hai avuto per lei e ti abbiamo ricompensato con salute e prosperità. Abbiamo messo dell’oro nei bambù perché tu lo trovassi».
«Ho allevato la principessa per vent’anni», disse il vecchio, «e mai ha commesso delle mancanze, quindi la ragazza che stai cercando non può essere questa. Ti prego, cerca altrove».
Allora il messaggero chiamò ad alta voce:
«Principessa Chiar-di-Luna, esci da questa umile casa! Non rimanere qui un altro momento!».
A queste parole i pannelli della stanza della principessa si aprirono da soli e rivelarono la principessa raggiante nel suo splendore, luminosa e favolosamente bella.
Il messaggero la guidò fino al carro e ve la fece salire. Lei si guardò indietro e provò compassione nel vedere la disperazione del vecchio. Gli rivolse molte parole di conforto e gli disse che non lo abbandonava di sua volontà e che avrebbe dovuto sempre pensare a lei ogni volta che guardava la luna.
Il tagliatore di bambù supplicò di poterla accompagnare, ma questo non era possibile. La principessa si tolse il mantello ricamato e glielo diede per ricordo.
Una delle creature lunari che si trovavano nel carro reggeva uno stupendo manto alato, un altro aveva un’ampolla di Elisir della Vita che fu fatto bere alla principessa. Lei ne inghiottì un po’ e stava per dare il resto al vecchio, ma le fu impedito di farlo.
Il mantello alato stava per esserle posato sulle spalle, ma lei disse:
«Aspetta. Non posso dimenticare il mio buon amico, l’Imperatore. Devo scrivergli qualcosa per dirgli addio mentre ho ancora questa forma umana».
Malgrado l’impazienza dei messaggeri e degli aurighi, li costrinse ad aspettare mentre scriveva. Mise nella lettera l’ampolla dell’Elisir e, nel consegnare la lettera al vecchio, gli chiese di recare entrambe all’Imperatore.
Poi il carro cominciò a muoversi verso la luna, e mentre tutti guardavano con occhi pieni di lacrime la principessa che se ne andava, l’alba apparve, e nella rosea luce del giorno il carro della luna e tutti i suoi occupanti si persero tra le nuvole sospinte attraverso il cielo sulle ali della brezza del mattino.
La lettera della Principessa Chiar-di-Luna fu recapitata a palazzo. Sua maestà ebbe paura di toccare l’Elisir della Vita e lo fece portare insieme alla lettera sulla cima della più sacra montagna del paese, il monte Fuji, sulla cui vetta i messaggeri imperiali lo bruciarono al levar del sole. E da quel giorno la gente vede del fumo levarsi verso le nuvole dalla cima del monte Fuji.
FINE

Ultima modifica di Usagi (Il 19-07-2013 a 17h45)

Non in linea

#7 Il 20-07-2013 a 19h29

Sensei
BloodyDoll
Break yourself.
Luogo: .
Messaggi: 1 037

La mia leggenda giapponese preferita è quekla di Kuchisake-onna. <3
Mi ha turbata molto devo dire, ma a parer mio è bellissima. v.v

KUCHISAKE-ONNA

Spoiler (clicca per vedere)

Non in linea

#8 Il 01-08-2013 a 17h08

Che classe
Usagi
...
Messaggi: 4 426

Ecco un'altra storiella molto carina che può collegarsi anche con la cucina e l'arte (il personaggio di un manga in particolare /modules/forum/img/smilies/bimbo/clein-d-oeil.gif )

Vi siete mai fermati ad osservare attentamente la luna piena? Sulla superficie lunare ci sono delle enormi macchie scure che secondo la tradizione giapponese rappresentano la figura di un coniglio che pesta del riso in un mortaio per preparare proprio del mochi.^^

Si racconta che tanti anni fa, in un bosco del Giappone, vivessero tre amici: un coniglio, una volpe ed una scimmia.
Un bel giorno un Dio scese dal cielo prendendo le sembianze di un povero vecchio e decise di visitare il Giappone. Passando dal bosco in cui vivevano i tre amici si fermò esausto ed affamato per riposare. Quando i tre amici passarono e videro il vecchio seduto su una pietra gli si avvicinarono per rassicurarsi sulle sue condizioni e il vecchio disse loro: "Ho viaggiato molto e sono stanco, potrei avere qualcosa da mangiare?"
E così i tre si misero alla ricerca di cibo.
La scimmia fù la prima a tornare con della frutta mentre la volpe arrivo subito dopo portando con sè dei pesci pescati in un vicino stagno.
Dopo una lunga attesa arrivo anche il coniglio a mani vuote e rivolgendosi al vecchio disse: "Perdonami ma io non so arrampicarmi sugli alberi per raccogliere frutti e non sono in grado di catturare pesci come ha fatto la volpe"
Rattristato per non essere riuscito ad aiutare il vecchio ebbe un'idea e chiese ai suoi amici di portargli dei ramoscelli e delle foglie secche.
A quel punto accese un fuoco e disse: "Non essendo riuscito a portarti altro ti offrirò me stesso!" E così saltò nel fuoco sacrificando la sua vita davanti agli sguardi increduli del vecchio e dei due amici.
Davanti a questa scena il Dio decise di manifestarsi, ed togliendo il coniglio dal fuoco disse:"Sono un Dio sceso dal cielo per visitare le vostre terre e mettere alla prova il vostro altruismo. Il vostro amico coniglio bianco ha sacrificato la sua vita per aiutarmi e in segno di gratitudine lo porterò con me sulla luna nella mia dimora dove voi potrete ammirarlo per l'eternità durante le notti di luna piena".


Aggiungo un'altra piccola curiosità per tutti gli appassionati di manga ed in particolare di Sailor Moon. Sì, perchè questa leggenda viene ripresa anche nel famoso fumetto delle guerriere vestite alla marinaretta.
Se traduciamo in giapponese la frase coniglio della luna il risultato è tsuki no usagi (dove: tsuki=luna, no=genitivo sassone e usagi=coniglio). Bene, il nome di Bunny (e anche il nome italiano mi dice qualcosa ), la guerriera associata alla luna, nella serie originale giapponese era, guardacaso, Usagi Tsukino! ^_^

Ultima modifica di Usagi (Il 01-08-2013 a 17h12)

Non in linea

#9 Il 01-08-2013 a 17h16

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Fortissima!!!
Stavo per dire la stessa cosa sull'origine del tuo nick! usagi....l'ho scoperto in un libro di cucina giapponese che significa coniglio!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/gros-sourire.gif

Non in linea

#10 Il 01-08-2013 a 21h50

Che classe
Usagi
...
Messaggi: 4 426

Grazie Ankara ^^ ora vi posto l'immagine del coniglio che picchia il riso nel mortaio per fare il mochi /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/wink.png

Link esterno dell'immagine

Non in linea

#11 Il 02-08-2013 a 09h42

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

certo che nell'antichità, tra questa immagine e le costellazioni, le popolazioni avevano una gran fantasia! /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/roll.png

Non in linea

#12 Il 11-10-2013 a 19h22

Supersonic
Calliope98
"L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai"
Luogo: Cosenza
Messaggi: 11 244

Buonasera ragazze questa leggenda metropolitana che ho letto mi ha un po' turbata ma ho deciso di postarla comunque
                         
                           Teke Teke
Il Giappone è per i suicidi ciò che l'America è per la torta di mele, da nessuna parte l'argomento è più presente e i giapponesi lo dimostrano per qualunque motivo: da una relazione finita male a dei pessimi voti.
Le storie di fantasmi non fanno eccezione, si dice infatti che il Teke Teke sia una donna che, saltata o caduta sui binari di un treno della metropolitana, sia stata brutalmente tagliata a metà.La sua rabbia e il suo dolore l'hanno trasformata nel Teke Teke.Esso vaga per tutto il Giappone con solamente il torso della donna, si trascina con le braccia e il suono che produce mentre si muove è descritto dal "teke-teke-teke" dei suoi gomiti che urtano l'asfalto.se durante una passggiata serale magari in una strada poco illuminata vi capiti di incontrarla essa vi si lancerà contro e vi taglierà in due e se verrete presi sarete condannati a diventare per sempre come lei.


https://i.imgur.com/fb2Q6go.gif
Infinitamente grazie Blairwnice per il meraviglioso set

Non in linea

#13 Il 11-10-2013 a 19h38

Moderatore
Arlene
Luogo: Mantova
Messaggi: 16 180

Abbastanza inquietante la storia O_o
Bello sapere che mi verrà l'ansia ogni volta che andrò a fare una passeggiata e sentirò rumori strani /modules/forum/img/smilies/fou rire.gif


//photo.myfashiongirl.it/it/1/56/moy/44506.jpg

Non in linea

#14 Il 13-10-2013 a 15h54

Supersonic
Calliope98
"L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai"
Luogo: Cosenza
Messaggi: 11 244

Allora meglio che tu legga questa splendida fiaba così ti tranquillizzi
                       
                    IL VELO FATATO

C'era una volta un pescatore che viveva solo in una capanna vicino al mare. La sua vita scorreva lenta e monotona, ma egli non se ne lamentava e il suo animo era sereno e soddisfatto.
Un giorno, come al solito, s'era recato con la sua barca in un bellissimo posto dove, oltre a una ricca pesca, poteva deliziare il suo sguardo ammirando le strane sculture delle rocce e i colori cangianti del cielo e del mare che si mescolavano formando un'unica tinta all'orizzonte.
Ad un tratto un intenso e soave profumo colpì le sue narici. Cercò di capire quale potesse essere l'origine del misterioso aroma, ma non vi riuscì. Incuriosito, seguì la scia del profumo e si diresse remando con vigore verso la spiaggia. Giunse ai margini del bosco che costeggiava la riva, scese dalla barca e s'incamminò lungo un sentiero, sempre alla ricerca della fonte odorosa.
Quando il profumo divenne più forte, il pescatore alzò lo sguardo e vide, appoggiato sui rami di un pino, uno splendido velo. Era stupendo! L'uomo si arrampicò sull'albero e lo prese delicatamente. Lo annusò e si sentì stordito: aveva il profumo penetrante dei fiori e la fragranza di un mattino di primavera. Depose il velo sull'erba per osservarlo meglio. Era bello come non ne aveva mai visti prima: leggero e delicato come una tela di ragno, intessuto di raggi di sole frammisti a raggi di luna, tra i quali splendevano minuscole stelle lucenti.
Il pescatore lo piegò con cura e si stava avviando verso la barca, desideroso di andare a casa per mettere al sicuro quell'oggetto tanto prezioso.
All'improvviso dal folto del bosco apparve una deliziosa fanciulla.
- Buon uomo, quello è mio! Quel velo che hai tra le mani appartiene alle ninfe celesti. Ti prego, restituiscimelo - gli disse con dolcezza.
L'uomo la guardò fissamente e poi le rispose:
- Allora è veramente un velo prezioso! Sarei proprio sciocco a ridartelo…
A quel punto la fanciulla cominciò a piangere; le lacrime scendevano copiose sul suo splendido viso. L'uomo, guardandola estasiato, non potette fare a meno di commuoversi.
- Ti prego, ridammelo, altrimenti non potrò più tornare dalle mie sorelle! - insistette la ninfa con voce di pianto. - Te lo restituirò, se resterai quaggiù con me a ballare le meravigliose danze del cielo - promise il pescatore che si era subito invaghito della bellissima donna.
La ninfa assicurò che sarebbe rimasta a danzare per lui, ma prima doveva restituirle il velo. L'uomo non voleva, temendo che lei se ne sarebbe andata via.
- Le ninfe celesti non possono dire bugie - lo rassicurò la giovane. - Ho promesso che danzerò per te e così sarà. Ma senza il mio velo non posso far nulla.
Il pescatore si convinse e restituì il velo alla divina fanciulla, che iniziò subito una danza meravigliosa. Le sue braccia e il suo corpo disegnavano nell'aria eleganti movenze, i piedi sfioravano leggeri la terra. L'uomo, incantato dall'eccezionale spettacolo dato in suo onore, si sentiva immensamente lusingato.
Poi notò che a poco a poco, mentre volteggiava leggera, la ninfa cominciava a sollevarsi nell'aria. Il velo si alzò attorno a lei, come sostenuto da invisibili mani, e dal cielo piovvero magnifici fiori di tutti i colori. Il pescatore vide la ninfa salire sempre più in alto, su su fino a raggiungere la cima del sacro monte Fuji. Capì che stava andando via per sempre e volle allungare le braccia nel vano tentativo di fermarla. Ma uno strano torpore s'impadronì del suo corpo ed egli non riuscì a fare un gesto, né a dire una parola…
Intanto la ninfa spariva nella nebbia che avvolgeva le pendici del monte, oltre le candide nevi delle sue vette.
Una grande serenità invase il cuore dell'uomo che in quel momento si scosse. Si chiedeva meravigliato come mai si fosse addormentato in quel luogo e poi si avviò tranquillo verso la sua barca.
Ma il profumo dei fiori caduti dal cielo gli riportò alla mente il volto della donna stupenda che aveva danzato per lui sotto gli alberi del bosco, proprio lì vicino alla spiaggia...

Semplicemente meravigliosa non trovate anche voi.


https://i.imgur.com/fb2Q6go.gif
Infinitamente grazie Blairwnice per il meraviglioso set

Non in linea

#15 Il 01-12-2013 a 10h56

Esperta
Clyo
...
Messaggi: 191

Giravo per il Forum quando noto questa discussione che non avevo notato prima. Sono quasi saltata dalla sedia per la sorpresa; è bello vedere persone che condividono come me l'amore verso il Giappone! Okay, vado al punto, c'è una leggenda diffusa in Giappone bellissima( è diffusa in Giappone ma pare che abbia origini cinesi) che probabilmente già conoscerete, ma per chi non la conosce la posto qui.
IL FILO ROSSO DEL DESTINO
La leggenda dice che secondo la tradizione ogni persona porta, fin dalla nascita, un invisibile filo rosso legato al mignolo della mano sinistra che lo lega alla propria anima gemella. Il filo ha la caratteristica di essere indistruttibile: le due persone sono destinate, prima o poi, a incontrarsi e a sposarsi.
La leggenda narra:
'Wei era un uomo che, rimasto orfano di entrambi i genitori in tenera età, desiderava sposarsi e avere una grande famiglia; nonostante i suoi sforzi era giunto all'età adulta senza essere riuscito a trovare una donna che volesse diventare sua moglie.
Durante un viaggio Wei incontrò, sui gradini di un tempio, un anziano appoggiato con la schiena a un sacco che stava consultando un libro. Wei chiese all'uomo cosa stesse leggendo; l'anziano rispose di essere il Dio dei matrimoni e, dopo aver guardato il libro, disse a Wei che sua moglie ora era una bimba di tre anni e che avrebbe dovuto attendere altri quattordici anni prima di conoscerla. Wei, deluso dalla risposta, chiese cosa contenesse il sacco; l'uomo rispose che lì dentro c'era del filo rosso che serviva per legare i piedi di mariti e mogli. Quel filo è invisibile e impossibile da tagliare, per cui una volta che due persone sono legate tra loro saranno destinate a sposarsi indipendentemente dai loro comportamenti o dagli eventi che vivranno. Queste parole non convinsero Wei che, per sentirsi libero di scegliere da solo la donna da sposare, ordinò al suo servo di uccidere la bambina destinata a diventare sua moglie. Il servo pugnalò la bambina ma non la uccise: riuscì soltanto a ferirla alla testa e Wei, dopo quegli eventi, continuò la sua solita vita alla ricerca della moglie.
Quattordici anni dopo Wei, ancora celibe, conobbe una bellissima ragazza diciassettenne proveniente da una famiglia agiata e si sposò con lei. La ragazza portava sempre una pezzuola sulla fronte e Wei, dopo molti anni, le chiese per quale motivo non se la togliesse nemmeno per lavarsi. La donna, in lacrime, raccontò che quando aveva tre anni fu accoltellata da un uomo e che le rimase una cicatrice sulla fronte; per vergogna la nascondeva con la pezzuola. A quelle parole Wei, ricordandosi dell'incontro con il Dio dei matrimoni e dell'ordine che dette al suo servo, confidò alla donna di essere stato lui a tentare di ucciderla. Una volta che Wei e la moglie furono a conoscenza della storia si amarono più di prima e vissero sereni e felici.' /modules/forum/img/smilies/epingle.gif


C'è chi può e chi non può. Io può, perché sono trasgy. OuO

Non in linea

#16 Il 03-12-2013 a 17h13

Supersonic
Calliope98
"L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai"
Luogo: Cosenza
Messaggi: 11 244

Questa storia io la conoscevo e l'ho sempre trovata stupenda sbaglio o di questa leggenda si parla inuno degli episodi di Conan?


https://i.imgur.com/fb2Q6go.gif
Infinitamente grazie Blairwnice per il meraviglioso set

Non in linea

#17 Il 17-03-2014 a 21h23

Collante
mecha11
...
Luogo: Palermo
Messaggi: 3 549

Bene,come storia paurosa c'e questa!
Sempre del Giappone!
Leggende Metropolitane!

Nel Parco di Inokashira, a Tokyo, si trova un lago dove i visitatori possono noleggiare barche a remi. Gira voce che se una coppia facesse un paio di giri su una barca il loro rapporto finirebbe per rompersi. La leggenda è collegata a un santuario locale dedicato a Benzaiten. Si dice che la divinità sia molto gelosa e vendicativa e faccia sì che le coppie si lascino appena dopo l’uscita in barca.

Oppure c'e questa!

Come nella maggior parte delle leggende giapponesi, anche la leggenda di Hanako-san ha a che fare con i bagni delle scuole nipponiche. Hanako-san di solito sta chiusa nella terza cabina del bagno del terzo piano, anche se il suo nascondiglio può cambiare da scuola a scuola. Si tratta principalmente di una ragazza-fantasma che passa il suo tempo a terrorizzare chiunque tenti di interagire con lei o che abbia il coraggio di disturbarla. Si può richiamare la sua attenzione bussando per tre volte alla porta, chiamando il suo nome e facendole una domanda. Spesso le viene chiesto: «Sei lì, Hanako-san?». Se Hanako-san è in quel bagno, allora si udirà una debole voce rispondere: «Sì, sono qui». E chiunque si azzardi, spinto da curiosità, ad aprire la porta per vederla, vedrà una ragazzina vestita di rosso che vi saluta, trascinandovi dentro il bagno. Tuttavia sembra essere per lo più innocua se ci si tiene alla larga dalla cabina in cui si è rinchiusa

C'e anche questa questa mi turba un po se si parla della toilette femminile!O.O

Aka Manto è uno spirito che infesta i bagni, di solito risiede nell'ultima cabina delle toilette femminili. Solitamente vestito di un mantello, di una cappa o di una veste rossa, alcune versioni lo descrivono inoltre con indosso una maschera per coprire il viso, troppo bello per essere mostrato. Quando le malcapitate vittime sono chiuse nella propria cabina, una voce misteriosa chiede loro se vogliono “carta rossa” o “carta blu” (in altre versioni al posto della carta c’è la veste o il mantello[17]). Se si opta per la carta rossa, si viene uccisi violentemente e i propri vestiti vengono intrisi di sangue. Se si opta per il blu, si va incontro a una morte per strangolamento o dissanguamento, lasciando il viso o la pelle di un colore bluastro. Se si sceglie un altro qualsiasi colore si viene trascinati via da delle mani che appaiono dal pavimento.

E infine c'e questa!

La leggenda racconta di un autista solitario che percorre col suo taxi una strada buia durante la notte. All'improvviso appare una persona che chiede di salire. La persona si siede sempre e solamente nei sedili posteriori dell’autovettura e chiede di essere portato in un luogo di cui il tassista non ha mai sentito parlare. Quando chiede informazioni al passeggero, quest’ultimo gli fornirà indicazioni sempre più complesse fino a portarlo in vicoli e strade sconosciuti di campagna. Dopo aver percorso questa distanza il conducente incomincia a sentirsi a disagio. Si gira verso il sedile posteriore per chiedere al passeggero il luogo esatto in cui si trovano, ma a quel punto si accorge che egli è svanito nel nulla. Il tassista si rigira verso il volante giusto in tempo per rendersi conto che la sua vettura sta precipitando dal bordo di un precipizio

Buonanotte e sogni d'oro!
/vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/lol.png


//photo.myfashiongirl.it/it/1/17/moy/13132.jpg

Spoiler (clicca per vedere)

Non in linea

#18 Il 18-03-2014 a 12h06

Supersonic
Calliope98
"L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai"
Luogo: Cosenza
Messaggi: 11 244

Per tranquillizzarvi allora ecco una bella storia
                           Kintaro
Narra una leggenda tradizionale giapponese di un bambino che viveva con sua madre sul monte Ashigara. Il suo nome era Kintaro, e fin dalla nascita era dotato di una forza fuori dal comune.
La madre, Yama-uba, si dice fosse rimasta incinta di questo straordinario fanciullo dopo essere stata colpita da un fulmine scagliato da un Drago rosso che viveva nella stessa montagna. Kintaro indossava un haragake di colore rosso (vestito indossato dai bambini giapponesi nel passato) che sua madre aveva fatto per lui con ricamato sul petto l'ideogramma "kin" (oro).
kintaro-leggenda-giapponeKintaro amava uscire all'aria aperta per giocare ma, siccome la sua casa era sperduta e non c'erano altri bambini nelle vicinanze, i suoi amici e compagni di giochi, erano gli animali della montagna: conigli, scimmie, cinghiali e volpi.
Un giorno anche un grande orso, che era molto orgoglioso della sua forza, aveva deciso di sfidare Kintaro.
"Voglio vedere se riuscirai a battermi in un incontro di sumo" disse l'orso.
"Va bene" rispose sorridente Kintaro "non esiste nessuno in questi boschi più forte di me!". Infatti l'orso perse l'incontro e tutti gli animali festeggiarono insieme al bambino la vittoria.
L'incontro che cambiò la sua vita fu con un samurai che, di passaggio nei boschi, rimase colpito dalla forza ercolina del bambino. "Diventa mio allievo" gli propose il samurai "e farò di te un guerriero conosciuto in tutto il Giappone".
Kintaro ottenne l'approvazione della madre e dopo essersi trasferito sul monte Oe divenne un samurai leggendario con il nome di Kintoki Sataka.


https://i.imgur.com/fb2Q6go.gif
Infinitamente grazie Blairwnice per il meraviglioso set

Non in linea

#19 Il 03-06-2015 a 16h58

Che classe
Myranda
Come manchi tu, non manca niente! ✄
Luogo: Wonderland
Messaggi: 4 848

che bella!!!!

Non in linea

#20 Il 04-06-2015 a 16h04

Chiacchierona
Jasmin34
Lasciami un centimetro di cuore e fallo per l'eternità
Messaggi: 2 281

wow!

Non in linea

#21 Il 30-01-2016 a 10h29

Niente male
...
Luogo: goito
Messaggi: 16

una storia musulmana.

c'era una volta una bambina di nome elisa, una volta la sua zia le dice di andare dal macellaio a portare la carne ,e le ha dato i soldi e, ed e andatoa prendere la carne e ha visto delle bambine che giocavano a corda e si e unia anche elisa , elisa ha messo i soldi sotto una pietra ma quando e tornata a prendere i soldi non liha più visti  così elisa andò dal macellaio e li dice-: siniore ho perso i soldi mi può darmi la carne -: dice il macellaio:-se vuoi la carne vai al cimitero e prendi il polmone di una donna appena seppellitia:-,e la bambina andò a prendere il polmone della donna appena seppellita sotto terra.
quando i familiari di elisa sono morti per colpa del macellaio che le ha detto di prendere il polmone dellea donna, e rimasta solo la zia e elisa.
una volta la zia e uscita fuori di notte , e la bambina e rimasta dasola in casa e ha sentito dei rumori che venivano dalla cucina e dicevano :- elisa elisa elisa elisa sono in cucina elisa sono nelle scale elisa sono nel salotto elisa sono dietro di teee....-:e la donna mangò il polmone di Elisa.

autore dounia ait bakrim
/modules/forum/img/smilies/bimbo/malheureuse.gif  /modules/forum/img/smilies/bimbo/mdr.gif ciao e ditemi il vostro parere ok
/modules/forum/img/smilies/bimbo/gros-sourire.gif  /modules/forum/img/smilies/bimbo/clein-d-oeil.gif

Non in linea

#22 Il 03-04-2016 a 15h31

Chiacchierona
Lapis6
Adoro i lupi ...
Luogo: Wolverhampton
Messaggi: 2 301

un creepypasta gapponese kuchisake- onna che si pronuncia huharheun.
Chi camina la notte dasolo rischia di imbatersi in kucharahe onna  una ragazza con delle incizioni dalla bocca fino alle orecchie, di solito indossa una mascherina e ti chiede sono bella? se rispondi di no lei ti ucidera con le sue forbice che si porta sempre con se, se rispondi di si, si levera la mascherina e chiedera sono bella se rispondi di no ti ucidera, se rispondi di si kucharahe onna ti fara come lei. ATENZIONE /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/wink.png
per salvarsi dovresti dire cosi cosi per confonderla e scappare.  il mio creepypasta preferito

Ultima modifica di Lapis6 (Il 09-04-2016 a 16h28)


Ciao mi chiamo Ernesta ho 13 anni sono nata il 13 06 2003 e creepypaste
http://i68.tinypic.com/wmjxwp.jpg
                                 

Non in linea

#23 Il 09-04-2016 a 14h23

Sensei
...
Luogo: Torino
Messaggi: 856

BELLISSIMA

KUCHISAKE-ONNA

Spoiler (clicca per vedere)

Ultima modifica di RemyFive (Il 09-04-2016 a 14h24)


RemyFive

Non in linea

#24 Il 09-04-2016 a 16h25

Chiacchierona
Lapis6
Adoro i lupi ...
Luogo: Wolverhampton
Messaggi: 2 301

un altra
Hanako-San
Hanako -San e una ragazza fantasma  che vive nelle scuole, precisamente nel terzo bagno /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/big_smile.png del terzo piano, si puo evocarla molto facilmente bussando per tre volte nel terzobagno del terzo piano facendo la domanda Hakero-San ci sei? per tre volte, se lei ci sara rispondera si, e se si aprite la porta per curiosita troverai una ragazzina vestita di rosso che ti saluta mentre ti strascina dentro.
grazie per l'atenzione /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/smile.png


Ciao mi chiamo Ernesta ho 13 anni sono nata il 13 06 2003 e creepypaste
http://i68.tinypic.com/wmjxwp.jpg
                                 

Non in linea

#25 Il 09-04-2016 a 19h08

Sensei
...
Luogo: Torino
Messaggi: 856

Charlie Charlie Challange
Charlie è un bambino che è morto in un incidente.Se al buio mettete un foglio con scritto si-no
no-si
con una matita dritta e una traversale e fate delle domande a charlie lui vi risponderà spostando la matita su si o no MA ATTENZIONE se voi non lo salutate e quando ve ne andate non dite addio Charlie non vi lascierà mai stare in tutta la vita.
Bhe dicono che dei bambini ci hanno provato e sono morti io vi consiglio di non provarci (anche se non ci credo)meglio non rischiare;)


RemyFive

Non in linea

Pagine : 1 2