Home

Forum- My Fashion girl.it, gioco di moda! Gioco di ragazze e per ragazze!

Pagine : 1 2 3 ... 6

#1 Il 11-06-2013 a 12h51

Argento
Antlya
"This is me.."
Luogo: Wonderland
Messaggi: 14 185

//photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5292.jpg

//photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5300.jpg
//photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5301.jpg Care ragazze, benvenute nel mondo della scrittura!!! //photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5301.jpg

In questo topic, potrete pubblicare dei racconti da voi inventati per farli leggere alle altre giocatrici, mettendo alla prova la vostra creatività e la vostra fantasia!! /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/big_smile.png vi invito a fare attenzione al semplice fatto di non risultare troppo lunghe da leggere /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/wink.png potete, per chi lo desidera, unire "le forze" e mettervi d'accordo con un'altra giocatrice che continuerà la vostra storia, per un lavoro di coppia (ovviamente non deve diventare un botta e risposta!! /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/wink.png )


ATTENZIONE: ecco alcuni piccoli accorgimenti da seguire:
- NON abusate delle faccine/smiles. Utilizzateli con moderazione.
- Evitate l'utilizzo di colori illeggibili (tipo il giallo)
- Evitate il linguaggio sms (prendete tutto il tempo che volete per scrivere le parole per intero)
- Fate attenzione all'ortografia.
Ecco la lista degli argomenti da evitare:
- la depressione, il suicidio
- politica
- sessualità
- religione
- pena di morte
- aborto


Detti questi accorgimenti, non mi resta che augurarvi buon divertimento e buona scrittura!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif

//photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5301.jpg  Carta e penna e VIA, si comincia!!
//photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5301.jpg

//photo.myfashiongirl.it/it/1/7/moy/5300.jpg


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/59/moy/47024.jpg

Non in linea

#2 Il 11-06-2013 a 15h14

A fondo
_Anny_
I have a dream....some dream
Luogo: Castelfiorentino
Messaggi: 322

Va bene,inizio io!!!  /modules/forum/img/smilies/content3.gif

<Sei sicura???> Mi disse la mia amica.
Intanto io pensavo a cosa sarebbe potuto accadere, quale sarebbe stata la conseguenza...
<Si....almeno credo..> Risposi.
Guardavo i suoi occhi che mi calmavano,che sembravano un mare nonostante fossero verdi e sorrisi, sorrisi pensando a quanto tempo è passato e ora non lo potrò più vedere...
<Eiii sbrigati!!!Non abbiamo tempo da perdere!>Continuò la mia amica.
Mi incamminai pensando ai suoi occhi e facendo attenzione a non sembrare goffa,intanto la mia amica se ne era già andata...
Lui era al telefono e sembrava piuttosto arrabbiato ...Che bella giornata che ho scelto!!!
Lo sento parlare,quella che risponde è una voce femminile, sarà sua madre ma è più giovane.
Lui continua e dice prima di riattaccare :<Ok , a dopo,TI AMO.>
E se ne va, lasciandomi a bocca aperta mentre penso a i miei sogni infranti.
/modules/forum/img/smilies/sniff.gif


Ci sono sogni costosi che non puoi permetterti,  come quei gioielli  che puoi soltanto ammirare al di là della vetrina di un negozio. Sono sogni che non ci appartengono o che potrebbero rubarci. Ci sono sogni che sarebbe meglio non possedere… sogni che devono rimanere nella vetrina dei ricordi.
Certi sogni non si svendono… ♥

Non in linea

#3 Il 11-06-2013 a 15h32

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Molto bello Anny!!!! /modules/forum/img/smilies/sniff.gif commossa!

Non in linea

#4 Il 12-06-2013 a 11h05

A fondo
_Anny_
I have a dream....some dream
Luogo: Castelfiorentino
Messaggi: 322

Grazie!!!
Ps. Posso sapere quanto devo aspettare per scrivere ancora??
E anche se posso continuare l  stessa storia???

Ultima modifica di _Anny_ (Il 12-06-2013 a 11h09)


Ci sono sogni costosi che non puoi permetterti,  come quei gioielli  che puoi soltanto ammirare al di là della vetrina di un negozio. Sono sogni che non ci appartengono o che potrebbero rubarci. Ci sono sogni che sarebbe meglio non possedere… sogni che devono rimanere nella vetrina dei ricordi.
Certi sogni non si svendono… ♥

Non in linea

#5 Il 12-06-2013 a 11h10

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

scrivi pure se vuoi! intanto non è un doppio post! .... e poi sono curiosa!!! /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/tongue.png

Non in linea

#6 Il 12-06-2013 a 11h38

A fondo
_Anny_
I have a dream....some dream
Luogo: Castelfiorentino
Messaggi: 322

PAGELLE
Papà mi dice prima di andare via:<Vieni con me andiamo a prendere la pagella e così incontrerai i tuoi amici!>
Io accetto pensando a chi potrebbe esserci ....
Quando arriviamo ci sono tutte,(smorfiette comprese)a vedere chi era bocciato ai fogli vicino al muretto della scuola.
È tardi e non capisco proprio dove si è cacciato mio babbo.Lo chiamo ma non mi risponde...mah....
Sono ormai le 1:00 però a scuola c'è ancora tanta gente ,c'è una fila davanti alle classi!!!I miei amici sono ormai andati via e così mi siedo al muretto a guardare un cartellone.Sono sola. Ad un certo punto sento dei passi ,ma non mi preoccupo ,sarà uno che guarda i bocciati...Sono girata,ma non lo vedo...
Ormai è da molto tempo che è lì , o forse se ne è già andato e io non l'ho sentito.
Però ,poi sento respirare dietro alle mie spalle ,subito mi impaurisco ma poi sento un profumo che mi calma.
Mi volto verso di lui e capisco chi è!!!Non ci credo!!! Il mio principe azzurro !!!!Sono molto emozionata ma non capisco perché è dietro di me e ci stiamo guardando negli occhi , i suoi occhi stupendi...Lui sorride mostrando i suoi denti bianchi . Quasi non mi conosce perché è qui???
Questo succede in pochi attimi ...e poi.....Mi dà un bacio passionale e mi accorgo che le sue labbra sono morbide e vellutate...Si stacca delicatamente dalle mie ,mi guarda con i suoi occhi e mi dice :< Ciao ,ci vediamo giovedì alle 3>
Sono ancora ferma qui devi capire cosa è successo, sono confusa e mi lascio sprofondare nei sogni finché non mi risveglia mio papà per andare via .


Ci sono sogni costosi che non puoi permetterti,  come quei gioielli  che puoi soltanto ammirare al di là della vetrina di un negozio. Sono sogni che non ci appartengono o che potrebbero rubarci. Ci sono sogni che sarebbe meglio non possedere… sogni che devono rimanere nella vetrina dei ricordi.
Certi sogni non si svendono… ♥

Non in linea

#7 Il 13-06-2013 a 19h27

Più più
MichelleDuval
...
Messaggi: 92

Amo scrivere, anche se non sono granchè brava ç7ç Spero comunque che questa mini-storiella vi possa piacere çwç Spero vivamente di non aver sforato le 30 righe...

1502 Parigi.
Le prime luci dell’alba iniziavano ad illuminare Parigi, la capitale francese. Faceva ancora freddo nonostante fosse ormai primavera inoltrata, il clima ostile di quel duro inverno aveva reso l’aria fin troppo gelida anche in quel periodo. Il Sole stava sorgendo lento colorando con i suoi raggi dorati la città che iniziava a svegliarsi. I fabbri iniziavano ad aprire le loro botteghe. I mercanti preparavano i loro banchi per il consueto mercato mattutino. Gli artisti si preparavano a passare la loro giornata a lavorare su quelle tele,  su quelle sculture a cui avevano regalato la loro vita. Anche le Dame e i Signori si stavano preparando per il giorno, tutti profumati e imbellettati in quei vestiti troppo voluminosi e ricchi al confronto dei vestiti umili dei domestici che ogni tanto passavano loro accanto. In tutto questo, solo una persona ancora poteva permettersi di dormire. Una ragazza, in una piccola e squallida stanza di una locanda, ancora giaceva tra le braccia di Morfeo e si godeva quegli ultimi istanti di sonno, prima che il Sole decidesse di svegliare anche lei. Qualche raggio di luce filtrò dalle persiane malandate andando ad illuminare la gracile figura distesa nel letto che si voltò dall’altro lato, sperando di riuscire a fuggire da quella sveglia così fastidiosa, ma contro il Sole non si può fare molto. Con un sospiro contrariato abbandonò quelle coltri calde, sedendosi sul bordo del letto e rabbrividendo per il contatto del pavimento gelido contro i suoi piedi. La ragazza si alzò, afferrando con una mano la pesante coperta e posandosela sulle spalle in cerca di quel po’ di calore che aveva abbandonato nel letto. Sbadigliando sonoramente si diresse a passo spedito verso lo specchio –sempre che così si possa definire quel piccolo e sporco pezzo di vetro- appeso poco vicino alla finestra. Con gesti frettolosi si portò una mano tra i lunghi capelli castani –che parevano quasi arancioni da quanto erano chiari- e li sistemò alla meglio, lasciandoli poi ricadere sulla schiena raccolti in una coda molle, fermata con un nastrino verde perfettamente in tinta con i suoi occhi. L’ennesimo sbadiglio la colse mentre le mani si immergevano nella piccola bacinella piena d'acqua gelida che, al contatto con il suo viso, la svegliò completamente. Cercò a tentoni il piccolo pezzetto di panno e se lo tamponò sul volto, raccogliendo ogni singola goccia dalla pelle. Ritornò pigramente al letto gettando poi uno sguardo all’intera stanza alla ricerca dei vestiti che erano malamente adagiati su una sedia poco distante. Non ci impiegò molto ad indossarli, non erano di quei vestiti lunghi e complicati che le donne dell’epoca erano solite indossare. Erano vestiti maschili, un paio di pantaloni scuri, una camicia bianca, un gilet malandato, un paio di stivali e un lungo e pesante mantello capace di proteggerla dal freddo. L’aspettava un lungo viaggio. Ripose tutti i suoi effetti personali all’interno della fedele sacca di cuoio e lasciò la piccola camera, inoltrandosi nel lungo corridoio che l’avrebbe condotta all’uscita. Una volta fuori prese una boccata d’aria. Un piccolo sorriso si dipinse sulle sue labbra. Gli occhi puntati davanti a se. Il sole a vegliare su di lei. Un viaggio per una destinazione che le cambierà la vita. Il suo nome è Michelle Duval.
E questa è la sua storia.

Non in linea

#8 Il 14-06-2013 a 09h30

Che classe
valenc86
...
Luogo: Torino
Messaggi: 4 113

MichelleDuval sono senza parole...il tuo racconto è bellissimo!/modules/forum/img/smilies/petite-larme.gif
Complimenti...spero che continuerai a scrivere atri racconti.
Veramente brava, leggendo mi sembrava di essere in quella stanza!

Non in linea

#9 Il 14-06-2013 a 10h19

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Io voglio sapere dove andrà la nostra MichelleDuval! /modules/forum/img/smilies/bimbo/triste.gif

Non in linea

#10 Il 15-06-2013 a 18h05

Blablabla
MissDJ
Something in the way ♥
Messaggi: 3 082

<< Guardo fuori. Pieno giorno. Un via vai di automobili, autobus e persone. Poi quel treno..Cosa ci fa qui? Cerco di scorgere qualcos'altro. Niente. Mancano i colori. Anzi,forse ce ne sono troppi. Manca un colore. Verde. C'è solo qualche puntino qua e là, sarà l'indumento di qualcuno, oppure qualche manifesto pubblicitario. Ma dove sono gli alberi? Dove sono le piante? Che fine hanno fatto i creatori di ossigeno? Ah,no. Mi sbagliavo. Quelle curve malformate dovrebbero essere delle montagne. Ma perchè sono così lontane? Avranno paura? E di cosa? Magari non sopportano questo rumore, che in effetti è parecchio fastidioso, ma basta farci l'abitudine. Io ci sono riuscito. Penso il cielo sia azzurro, riesco a scorgere un raggio di sole, ma queste nuvole grigie coprono tutto. Perchè sono grigie? C'è del fumo che fuoriesce da quella torre. No, le torri sono più belle. Quella è troppo sottile e liscia. Quanti negozi. Si notano poco, a causa di quei portici, ma alcuni li vedo: vestiti, cibo, giochi. Giochi. Un tempo anch'io ero lì. Ancora il rumore del treno. Insopportabile. Basta? Tutto qui? La finestra è troppo piccola, non si vede niente. La maggior parte delle persone sono anziane. Poi camminano tutti così piano, come fanno a passeggiare in mezzo a quel caos? A un bambino è caduto il gelato. Piange. Povero. E quella signora laggiù ha un bellissimo vestito, non dovrebbe portarlo in giro, non si merita. Quella macchina è rosa. Peccato che in mezzo a tutto quel giallo non si noti. Poi sono sparse un po' ovunque delle macchie grigie. Ma quelle gialle rimangono le più numerose. Verde. Adoro guardare i semafori. Sono così divertenti : rosso, giallo, verde. Verde, giallo rosso. Poi sopra c'è un omino che si sposta da un colore all'altro. Piove. Wow! Ci sono ancora più colori di prima! Gli ombrelli. Non vedo più le persone. Mi sto bagnando. Dovrei chiudere la finest... >>
<< Ehi! Chi ha lasciato il mio orsacchiotto davanti alla finestra? Si è bagnato! >>   


https://i.ibb.co/mNBMNmD/23i8cww-3.png

Non in linea

#11 Il 17-06-2013 a 11h27

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

molto belle come racconto....malinconico! /modules/forum/img/smilies/content4.gif

Non in linea

#12 Il 17-06-2013 a 11h35

Blablabla
MissDJ
Something in the way ♥
Messaggi: 3 082

Grazie! E' un po' senza senso rileggendolo, ma andrà meglio la prossima volta.
Faccio solo due domandine, scusate. Potrei postare una storia divisa in capitoli da pubblicare ogni tot. di tempo. Se sì, questi capitoli posso metterli sotto spoiler in un unico commento, oppure devo postarlo sempre in un nuovo commento?
Grazie in anticipo!/modules/forum/img/smilies/sourire.gif       


https://i.ibb.co/mNBMNmD/23i8cww-3.png

Non in linea

#13 Il 17-06-2013 a 16h12

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Per quanto riguarda il racconto a episodi non c'è nessun problema! puoi postare quando vuoi e quanto vuoi sempre se stai nelle 30 righe e cercando di evitare il doppio post (cioè se hai scritto esempio mezzora fa attendi magari il giorno dopo per postare un altro pezzo o almeno che altre persone scrivano dopo di te...in caso di dubbi chiedimi pure così evitiamo intoppi /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/smile.png )
Puoi anche non utilizzare lo spoiler anzi te lo sconsiglio percè poi tante non vedendo scritto molto non si soffermano ad aprire e leggere! /modules/forum/img/smilies/goutte.gif

Non in linea

#14 Il 26-06-2013 a 20h51

Argento
Antlya
"This is me.."
Luogo: Wonderland
Messaggi: 14 185

Che belle storielle ragazze, siete tutte bravissime!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/clein-d-oeil.gif anch'io ora scribacchio qualcosina... /modules/forum/img/smilies/content3.gif

<<Correndo giù per i gradini della grande scalinata della stazione, Leo per poco non andò a sbattere contro la vetrata che separava la banchina dalla sala d'attesa. "Sono un gran distratto!" pensò mentre raggiungeva di corsa il marciapiede da cui sarebbe partito il suo treno; ci salì sopra proprio pochi istanti prima che fischiasse e partisse pigramente. "Salvo!!" pensò allegramente, e iniziò a cercare una carrozza abbastanza vuota da potersi sistemare comodamente. Ne trovò una poco dopo, verso la metà del treno: si sedette dal lato del finestrino e si stiracchiò lasciando cadere la cartella. Socchiuse gli occhi, e il treno giunse rapidamente alla prima fermata. "Fa freddo - pensò ancora mezzo addormentato - speriamo che nessuno apra la porta..." una folata d'aria gelida lo investì in pieno, annunciando che qualcuno aveva invece aperto lo sportello della carrozza. "Come non detto, sempre qualcuno che deve rompere!!" si girò per lanciare un'occhiataccia al nuovo arrivato, ma lo sconosciuto già si era seduto dandogli le spalle. "Gneee razza di antipatico!" lo apostrofò nella mente Leo. Non ebbe però il tempo di finire la frase che lo sconosciuto si alzò in piedi, per posare sullo scomparto in alto la propria borsa e si girò, per sedersi nel posto vicino al finestrino: Leo sobbalzò e il freddo gli passò all'istante. L'intruso era la ragazza più bella che avesse mai visto: capelli corvini, occhi di ghiaccio, alta e minuta. Leo dovette ricordarsi di respirare, e chiudere la bocca. La ragazza sollevò un poco la testa e lo guardò: i loro occhi restarono così, intrappolati nei reciproci sguardi, per una frazione di secondo; poi lei prese un libro e iniziò a leggere. Leo non riusciva a staccarle gli occhi di dosso: "Che bella!! Chissà dove abita!! Perchè non l'ho mai vista prima?? Che faccio, mi presento???". Passò metà del viaggio indeciso sul da farsi. Continuava a guardare la ragazza sperando che alzasse gli occhi, per sorriderle, ma lei continuava a leggere tranquilla. "Ok ora vado!! Le dico un bel ciao e le chiedo cosa legge - si disse Leo - ... No è troppo stupido!! Mi prenderà per analfabeta!! Mmmm... Ci sono!! Le chiedo direttamente il nome!! No, troppo diretto...". Tic, toc, i minuti passavano e il treno stava per concludere la sua corsa. Il ragazzo aveva perso la cognizione del tempo, impegnato com'era ad ammirare la bella passeggera. "Potrebbe essere la ragazza della mia vita!! Potrebbe essere un'occasione!! Potrebbe funzionare... Che faccio?? Potrebbe anche essere tutto il contrario... Ma sento che mi devo buttare... Ok, ora vado!!!" Leo si alzò di scatto. Solo allora si accorse che il treno si era fermato. Ebbe solo il tempo di scorgere il posto vuoto della ragazza e i suoi capelli corvini che si allontanavano sul marciapiede a fianco al treno, poi il treno fischiò e ripartì. Leo guardò la ragazza sparire tra la folla, e con lei vide sparire la sua opportunità.
Venti minuti dopo, il treno si fermò definitivamente, e Leo si preparò a scendere: prese le sue cose e si avviò sconsolato verso lo sportello d'uscita; passando accanto al posto della ragazza, vi lanciò uno sguardo colmo di tristezza, ma subito notò qualcosa: sul sedile, in bella vista, era appoggiato un libro; leo lo riconobbe subito: era il libro che stava leggendo la ragazza!! Lo prese in mano e vide che aveva un piccolo post-it attaccato sopra: il libro si intitolava "Sarò qui anche domani" e il post-it recitava la stessa frase, con uno smile allegro.
Leo sorrise, e con lui il destino.>>


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/59/moy/47024.jpg

Non in linea

#15 Il 26-06-2013 a 21h31

Numerik
Antonella21
*non diventare l'ennesimo adulto infelice*
Messaggi: 12 041

Complimenti Antlya , bellissima storia!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif
Ci sarà un continuo?? Se si , non vedo l'ora!! /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/wink.png


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/58/moy/45679.jpg


           

Non in linea

#16 Il 27-06-2013 a 10h01

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Waooo socia non pensavo scrivessi così bene!!! cavolo!!! /modules/forum/img/smilies/content4.gif

Non in linea

#17 Il 27-06-2013 a 12h32

Niente male
XxIcexX
rebellious like lightning ...
Messaggi: 17

Wow i vostri racconti sono a dir poco favolosi ! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif
Provo anche io ,anche se sono un po' fuori esercizio ^^"

Il mio racconto si intitola : "Il drago di nebbia"

<<Ero nel bosco ,stavo correndo, e mentre passavo i rami più bassi mi graffiavano delicatamente la  pelle .Il terreno era accidentato e la luce che filtrava dalle fronde degli alberi era molto fioca :ciò rendeva la mia corsa più rischiosa ,a ogni passo rischiavo di cadere per colpa di un ramo o di un buco nel terreno. Ad un certo punto vidi che una luce davanti a me si stava ingrandendo e quando l'attraversai mi ritrovai in una grande radura ,finalmente si vedeva bene ma tra poco tutto sarebbe stato di nuovo offuscato : una nebbia si stava avvicinando .Pensavo mi avrebbe inghiottita come aveva fatto con la maggior parte dello spazio ,ma mi sbagliavo :si era fermata a pochi passi da me e stava ... prendendo forma !?
Il mio cuore iniziò a battere più forte ; ora la nebbia assomigliava a un enorme serpente se non fosse stato per le imponenti ali che uscivano dal suo corpo .
Indietreggiai ;lui aprì gli occhi ,erano rossi come il più puro dei rubini, e ruggì facendo rimbombare il suo grido nella radura.
Io ero pietrificata ,ma non sapevo se lo ero dalla paura o dalla sua maestosa bellezza. Provai ad avvicinarmi e il drago abbasso la sua testa alla mia altezza ,che non era neanche un quarto del suo corpo . Sentivo il suo respiro ,freddo come le notti d'inverno a dicembre ; allungai una mano ma appena lo toccai ... apri gli occhi : ero in macchina ,i miei genitori erano davanti che parlavano e fuori vedevo tronchi di alberi preceduti da piccoli arbusti ,di cui le immagini sfrecciavano nel finestrino.
Era stato solo un sogno ? Non ne ero sicura :sul mio braccio c'erano tanti piccoli graffi ...>>

Questo racconto è basato su un sogno che ho fatto giorni fa di quando ero in macchina ,mentre andavo dai miei nonni. /modules/forum/img/smilies/bimbo/clein-d-oeil.gif

Non in linea

#18 Il 27-06-2013 a 13h57

Più più
MichelleDuval
...
Messaggi: 92

Wow ragazze, siete tutte bravissime! *A*
Io finalmente ho trovato un po' di tempo e ispirazione per continuare quella storiella che inizia qualche tempo fa xD


Erano ormai passati 13 giorni da quando Michelle aveva incominciato il suo viaggio. Era partita da Parigi e con vari mezzi di fortuna quali carri mercantili e cavalli presi “in prestito” lungo la strada, era finalmente giunta a Firenze, città madre dei più grandi artisti dell’epoca. Non era stato un viaggio troppo complicato, si potrebbe definire quasi monotono e ripetitivo, non proprio come la giovane francese l’aveva immaginato, ecco. Nessuna cosa era andata storta, e di questo Michelle non sapeva se esserne felice o, in fondo, un po’ delusa.

La sera del quattordicesimo giorno, finalmente, attraversò le porte della città culla del Rinascimento.
Poteva chiaramente sentire il cuore batterle all’impazzata nel petto per l’emozione. Aveva sognato quel momento pe anni, talmente tanti che nemmeno si ricordava più in che preciso istante aveva iniziato, ma ora quel sogno che credeva impossibile si stava avverando… Stava camminando per le strade di Firenze. Le pietre di quei palazzi avevano visto i più grandi artisti di cui la storia italiana poteva vantarsi, persino il più piccolo sassolino di quella strada sterrata racchiudeva in se un briciolo di arte. Michelle rimase qualche altro secondo ad osservare quella città ancora sveglia nonostante l’ora tarda prima di riprendere il cammino ed inoltrarsi in un vicolo che le era stato indicato poco prima, lì sicuramente avrebbe trovato un posto in cui passare la notte. Doveva riposare, il giorno dopo un compito importante l’aspettava. Un compito che le avrebbe sicuramente cambiato la vita, ovviamente se fosse riuscita a portarlo a termine. Non ci impiegò molto a trovare la locanda, anche perché di certo non passava inosservata.La giovane francese squadrò per qualche attimo quel palazzetto che pareva una reggia in confronto a tutti i posti in cui aveva passato la notte durante il suo viaggio. Un enorme sorriso si dipinse sulle sue labbra «Amo questa città» sussurrò tra se e se prima di varcare la soglia di quel luogo che pareva incantato.
La mattina giunse in fretta, e con essa anche la vita della città si risvegliò.
Il clima, in confronto a quello parigino, era decisamente più caldo e il sole sembrava concedere tutte le sue attenzioni a quella città magica, rendendola, se possibile, ancora più bella di quanto già era.
Quella mattina Michelle decise di dormire un po’ più del solito, per un po’ di tempo si sarebbe sicuramente persa l’alba, aveva decisamente bisogno di recuperare pian piano quel sonno che il cammino verso l’Italia le aveva rubato. Saranno state sì e no le nove quando finalmente quegli occhi verdi si aprirono sul Mondo, vispi e attenti come raramente una persona appena sveglia possiede. Non ci impiegò molto a prepararsi. Per quella giornata speciale decise di indossare i suoi vestiti buoni. Se li era portati apposta per quel momento, stando ben attenta a non sporcarli o rovinarli durante il viaggio. Erano più o meno uguali a quelli che aveva indossato per partire, l’unica differenza era che i colori erano molto più vivi e luminosi, sembrava appena uscita da un quadro del miglior pittore sulla piazza. Decise di lasciare sciolti i lunghi capelli castani i quali ricaddero composti sulla schiena, coprendogliela per metà, si guardò un’ultima volta in quello specchio -che questa volta poteva definire tale- e uscì dalla camera, dirigendosi al piano inferire per chiedere alcune informazioni.

Non in linea

#19 Il 27-06-2013 a 16h39

Numerik
Antonella21
*non diventare l'ennesimo adulto infelice*
Messaggi: 12 041

Siete veramente brave ragazze!!! /modules/forum/img/smilies/coeur.gif
Sono curiosa di scoprire il destino di Michele!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/58/moy/45679.jpg


           

Non in linea

#20 Il 27-06-2013 a 18h18

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

waooo! ma quanto mi piace questo topic???!!!!
mi sembra di teletrasportarmi in altre dimensioni quando leggo i vostri racconti! complimenti!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif

Non in linea

#21 Il 29-06-2013 a 13h28

Argento
Antlya
"This is me.."
Luogo: Wonderland
Messaggi: 14 185

Grazie ragazze!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/rougie.gif troppo gentili!! /modules/forum/img/smilies/miou.gif
Anch'io mi unisco ai complimenti per tutte le storie... Sono bellissime e scritte veramente bene!!! /modules/forum/img/smilies/epingle.gif da domani (anzi, lunedì XD) apriamo un'editoria, chi ci sta??? /modules/forum/img/smilies/fou rire.gif
Continuate così!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/59/moy/47024.jpg

Non in linea

#22 Il 26-07-2013 a 14h30

Più più
MichelleDuval
...
Messaggi: 92

Io ci sto! xD
Comunque, sono riuscita ad andare avanti, dopo tutto questo tempo!*A*

Si diresse a passo spedito verso il bancone dietro il quale il proprietario della locanda, un omone con i capelli scuri e gli occhi piccoli e incavati, stava armeggiando con delle bottiglie di vino e dei bicchieri mezzi rotti. Con uno dei suoi migliori sorrisi la ragazza posò una moneta sul legno scuro richiamando così la totale attenzione dell’uomo.
«Avrei bisogno di un’informazione» disse lei, cercando di nascondere alla meglio il suo accento francese.
Il locandiere spostò lo sguardo dalla moneta alla ragazza un paio di volte prima di posare la mano grassa e callosa sul soldo «cosa ti serve?».
«Potrei sapere dove lavora il maestro Michelangelo Buonarroti?» chiese Michelle, cercando di non soffermarsi per troppo tempo a fissare quegli occhi indagatori. L'uomo rimase qualche secondo in silenzio, alzando gli occhi al cielo, cercando probabilmente di riordinare i propri ricordi e farsi venire in mente dove lo scultore avesse al momento il proprio studio. Con fare sbrigativo afferrò un pezzetto di carta e con una matita ci scarabocchiò sopra una piccola mappa con varie indicazioni, poi la porse alla ragazza «Non è molto distante, segui questa e ci arriverai. Non puoi sbagliarti» detto questo ritornò al suo lavoro.
Michelle afferrò il foglietto, salutò velocemente e uscì dalla locanda mettendosi subito a cercare il grande scultore.

Seguì alla lettera le indicazioni che il locandiere le aveva gentilmente donato e in meno di dieci minuti si ritrovò davanti ad un grande palazzo leggermente malandato, ma quasi il doppio, per quanto riguarda a dimensioni, di quelli che gli stavano accanto. La ragazza rimase qualche istante a fissare la porta di legno indecisa se bussare oppure aspettare che qualcuno si facesse vivo da quell'entrata.
Ma l'impazienza di vedere il volto dell'uomo che più ammirava era troppa, quindi alzò una mano e diede qualche colpo al legno, mettendosi poi ad aspettare che qualcuno all'interno della palazzetta le desse il permesso di entrare. Aspettò qualche minuto ma non si udì nessuna voce provenire dell'interno. Che non ci fosse nessuno? Strano però poiché le candele dei candelabri che si potevano intravedere dalle finestre erano tutte accese. Riprovò quindi a bussare, questa volta mettendoci più energia e poi tornò ad attendere.
Di nuovo nessuna risposta. Che davvero non ci fosse nessuno?
Si guardò sospettosamente intorno prima di avvicinarsi ad una delle grandi finestre del piano terra ed iniziare a sbirciare all'interno. Un grosso telone color panna attraversava la stanza in orizzontale, intralciando la vista di qualsiasi curioso avesse avuto voglia di godersi la vista dell'opera a cui Michelangelo stava lavorando.
Un piccolo sospiro uscì dalle labbra della giovane mentre con passo svelto si posizionò nuovamente davanti all'uscio.
Esitò un attimo prima di portare la propria mano sulla maniglia, abbassandola.
Con grande stupore si accorse che la porta era aperta.

Non in linea

#23 Il 26-07-2013 a 16h07

Supersonic
Ankara
...in the name of peace...
Luogo: Nana in wonderland
Messaggi: 10 882

Sempre bellissimi i tuoi racconti! complimenti....è inutile dire che voglio leggere il continuo vero???? /modules/forum/img/smilies/bimbo/bisous.gif

Non in linea

#24 Il 27-07-2013 a 10h22

Numerik
Antonella21
*non diventare l'ennesimo adulto infelice*
Messaggi: 12 041

Complimenti MichelleDuval la storia diventa sempre più interessante! Non vedo l'ora di leggere il continuo!  /modules/forum/img/smilies/bimbo/clein-d-oeil.gif


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/58/moy/45679.jpg


           

Non in linea

#25 Il 17-08-2013 a 14h20

Argento
Antlya
"This is me.."
Luogo: Wonderland
Messaggi: 14 185

Michelle, bellissima storia!!! /modules/forum/img/smilies/bimbo/amoureuse.gif anch'io attendo il continuo, mi raccomando!!! /vendor/beemoov/forum/../../../public/forum/smilies/big_smile.png
Già che sono qui mi scervello con qualcosina...

Myriel era seduta sul tetto della vecchia catapecchia che aveva rimediato come rifugio. Il sole era quasi al tramonto, testimone di un giorno che andava a concludersi; la ragazza scrutò l'orizzonte: con il buio sarebbero comparsi i soliti guai, le solite conquiste, le solite fughe e le solite lotte. Erano passati ormai quindici giorni da quando i vampiri di tutto il mondo avevano organizzato una rivolta ed erano usciti allo scoperto: erano molti di più di quanto mai si sarebbe potuto immaginare!! Le armi ordinarie non avevano effetto su di loro, in quanto immortali, e le vecchie dicerie su aglio, croci e acqua santa erano solo un mucchio di leggende. Ne avevano uccisi pochissimi da allora, e il numero di perdite era sempre e comunque inferiore a quello delle reclute che catturavano ogni notte, esseri umani che decidevano di risparmiare ai loro banchetti per trasformarli in vampiri. Da qualche giorno però, la resistenza si era fatta più forte e le armi erano diventate più efficaci: i vampiri avevano avuto un bel daffare. "Non possiamo continuare così - pensò Myriel - dobbiamo ripulire tutto!! Solo allora saremo salvi finalmente!!". Il sole lanciò i suoi ultimi bagliori da dietro i monti, poi scomparve nella fredda aria della sera.
La ragazza saltò giù e rientrò nella catapecchia. Ancora poco e ogni vampiro sarebbe uscito per la caccia: bisognava prepararsi, la notte era lunga. Scricchiolii vicini la distolsero dai suoi pensieri: "Sono già qui???". Si strinse nel suo soprabito nero e fissò i pugnali alla cintura di cuoio. Aprì piano la porta e scorse centinaia di creature della notte che si stavano avvicinando alla sua casa; i loro canini rilucevano alla luce della luna ormai sorta.
Myriel si preparò ad accoglierli: bene, un'altra notte di lotta assicurata, pensò. Quando la casetta fu ormai circondata tutti i vampiri emisero un grido acuto. Myriel sorrise: "Ben arrivati, cari vampiri!!!". Tutto l'esercito fece un balzo verso di lei...
"Ora andiamo a cacciare, oh miei sudditi!!!".
Nel buio della notte i lunghi canini bianchi e i rossi occhi di Myriel brillavano più di tutti gli altri.


https://photo.myfashiongirl.it/it/1/59/moy/47024.jpg

Non in linea

Pagine : 1 2 3 ... 6